Sarebbe questa la mummia del Patriarca Giuseppe, il biblico “interprete dei sogni”?

4

…é l’ipotesi caldeggiata dall’archeologo egiziano Ahmed Osman, che in un libro identifica la figura del gran visir Yuya (la cui mummia é conservata al Museo del Cairo) con quella del patriarca biblico che divenne visir d’Egitto. Molti indizi sembrerebbero dargli ragione; e un particolare sembrerebbe rivestire un’importanza speciale per la storia delle religioni: Yuya, infatti, sembrerebbe essere stato il nonno del faraone “monoteista” Akhenaton… 

Yuya é Giuseppe ?  

di Ahmed Osman

Nella Bibbia e nel Corano si afferma che il Patriarca Giuseppe fu venduto come schiavo in Egitto.Furono i suoi stessi fratelli a cederlo ad una carovana di mercanti,perche’ erano gelosi del fatto che Giuseppe fosse il figlio prediletto del loro padre Giacobbe. Un’ufficiale egizio compro’ il giovane ragazzo ebreo e lo nomino’ sovrintendente della sua casa ma, qualche tempo dopo, la padrona lo accuso’ ingiustamente di aver tentato di sedurla e Giuseppe fu mandato in prigione. Due anni piu’ tardi,Giuseppe fu rimesso in liberta’ grazie al Faraone che a sua volta lo nomino’ proprio ministro, quando Giuseppe riusci’ a interpretare correttamente un suo sogno premonitore.
A causa di una carestia nella terra di Canaan,i fratelli di Giuseppe si recarono in Egitto per acquistare del grano.Giuseppe riconobbe i figli di Giacobbe,quando arrivarono,ma loro non lo riconobbero,poiche’ oltre a mantenere segreta la sua identita’ egli si presento’ abbigliato come un’ egiziano.La carestia a Canaan si protrasse a lungo e spinse i fratellastri di Giuseppe a tornare una seconda volta in Egitto.In quell’occasione,Giuseppe li invito’ per un pasto a casa sua e,in un momento di grande commozione,svelo’ ai propri fratelli la sua vera identita’.Questi ultimi si vergognarono di quello che avevano fatto,di averlo venduto come schiavo,ma lui disse loro di non sentirsi in colpa:”Perche’ Dio mi ha mandato davanti a voi per preservare la vita ed Egli mi ha reso Padre del Faraone”.

Padre del Faraone.
“Padre del Faraone”:fu quest’affermazione che mi turbo’, quella notte. Ai funzionari egizi veniva solitamente dato il titolo di “Figli del Faraone”,ma “Padre del Faraone” era un titolo raro e solo poche persone potevano fregiarsene. Immediatamente mi venne in mente il nome di Yuya.
Yuya fu ministro e comandante delle armate su cocchio del Faraone Amenothep (c.ca 1450 a.c.-1367 a.c.) della XVIII dinastia. Fra i suoi vari titoli,Yuya ne aveva uno che apparteneva solo a lui “it-ntr-n-nb-tawi” ovvero”sacro padre del Signore delle Due Terre”, il titolo formale del Faraone.
Il motivo per cui Yuya ricevette questo titolo eccezionale fu che il re Amenothep III sposo’ sua figlia Type,che ne divenne la consorte piu’ illustre, la Regina d’Egitto.
Per questa stessa ragione Yuya divenne il nonno, per parte materna, del re monoteista Akhenaton.
Giuseppe il Patriarca e Yuya il Vizir sono gli unici cui sia stato applicato questo potente titolo: “Padre del Faraone”. Potevano essere la stessa persona?

La scoperta della tomba.
La tomba di Yuya e di sua moglie Tuya fu scoperta nel 1905,tre anni dopo che Theodore M. Davis aveva ottenuto la concessione per condurre degli scavi nella Valle dei Re. Il luogo in cui si trovava la tomba (l’unico sepolcro egiziano trovato pressoche’ intatto, almeno fino alla scoperta della tomba di Tutankhamon, avvenuta 17 anni piu’ tardi, causo’ non poco stupore. Davis forni’ il denaro,mentre l’effettivo lavoro di scavo fu compiuto da archeologi britannici. Nella Valle dei Re si trova una stretta vallata laterale, lunga circa 800 m, che conduce sulla cima del monte. Nel 1904,otto giorni prima di Natale, James Quibell inizio’ ad esaminare questa vallata laterale. Un mese piu’ tardi, decise di far spostare nuovamente gli operai all’imboccatura della vallata: entro il 1 Febbraio avevano gia’ riportato in luce la sommita’ di una porta sigillata che chiudeva una scalinata e,nel giro di alcuni giorni, Davis e il suo gruppo furono in grado di entrare nella tomba,nella quale trovarono i sarcofaghi e le mummie di Yuya e di sua moglie Tuya.
Sebbene sia Yuya che sua moglie fossero personaggi noti della storia egiziana, non erano considerati particolarmente importanti dagli studiosi. E per quanto se ne sapeva nessuno di loro aveva sangue reale, come sarebbe stato logico aspettarsi, dato che godevano del privilegio di una sepoltura nella Valle dei Re. Per quale motivo dei nobili avevano potuto godere di un privilegio riservato solo ai Faraoni?

Corrispondenze tra Yuya e Giuseppe.
Le prove che, infine, riuscii a trovare mi convinsero che Giuseppe, figlio di Giacobbe, e Yuya,il ministro egiziano, erano la stessa persona.
Oltre a condividere l’eccezionale titolo di “Padre del Faraone”, sia Giuseppe che Yuya erano stranieri in Egitto. Molti studiosi fanno commenti sull’aspetto straniero di Yuya. Ad esempio, Arthur Wigall, uno degli archeologi coinvolti nella scoperta della tomba di Yuya, scrisse: “Fu una persona di grande autorevolezza…ha il volto di un’ecclesiastico e qualcosa nell’aspetto della sua bocca mi ricorda l’espressione di Papa Leone III”. Henry Naville, l’egittologo svizzero, espresse l’opinione che: “…il profilo molto acquilino di Yuya poteva essere semita. Anche le difficolta’ incontrate dagli scribi per vergare il suo nome supportano l’origine straniera di Yuya. Sul suo sarcofago, sulle tre bare e sul resto del corredo funerario si trovarono 11 differenti modi di scrivere il suo nome. I nomi egiziani, solitamente,indicavano il nome della divinita’ sotto la cui protezione era stata posta la persona: Ra-mos, Ptah-hotep, Tutankh-amon, e cosi’ via.
Sembra, quindi, che gli Egizi gli abbiano dato un nome derivato da quello del suo dio, Yhwh-Jeovah ed e’ cio’ che gli scribi tentarono di scrivere, in diverse versioni ortografiche che comprendevano:Ya-a, Yi-ja e Yu-i. Anche il modo in cui Yuya fu sepolto indica che non si trattava di un Egiziano. Le sue orecchie non erano forate -a differenza di quelle della maggior parte delle mummie della XVIII Dinastia, l’epoca in cui Yuya rese servizio, prima sotto Tuthmosis IV e poi sotto suo figlio, Amenothep III- e la posizione delle sue mani, rivolte verso il collo,sotto il mento, e’ diversa dal tradizionale “atteggiamento di Osiride”, nel quale le mani del morto sono incrociate sopra il petto.
Grafton Ellioth Smith, l’anatomo-patologo britannico, che esamino’ la mummia di Yuya nel 1905, sollevo’ la questione del suo aspetto non-egiziano. Nel suo rapporto Smith scrisse: “Il suo volto e’ relativamente corto ed ellittico…il naso e’ prominente,aquilino e sollevato…le labbra sembrano piuttosto piene. La mandibola e’ moderatamente squadrata…quando siamo giunti ad indagare sui caratteri razziali del corpo di Yuya,abbiamo trovato molto poco cui appigliarci quale chiara indicazione delle sue origini ed affinita’…la forma del volto(e soprattutto del naso) sono del genere che si trova piu’ comunemente in Europa, piuttosto che in Egitto”.
Il Faraone diede a Giuseppe anche una moglie egizia ed un nome egiziano, il primo elemento del quale e’ “sef”. Manetho, uno storico egizio che durante il III secolo a.c. scrisse la storia del suo paese per Tolomeo I, menziona il fatto che uno dei ministri di Amenothep III si chiamava proprio sef. Sembra che il nome “Jo-sef” o “Yo-sef”.in ebraico,e “Yu-sef”, in arabo, fosse composto da due elementi: l’ebraico “Yu”, che e’un’abbreviazione di Yaweh , e l’egiziano “sef”.
Nel resoconto biblico su Giuseppe il Patriarca si narra che, quando fu nominato ministro, egli ricevette tre oggetti dal Faraone, quali insegne del suo incarico: un anello, una catena d’oro ed un cocchio.
Nella tomba di Yuya sono stati trovati anche questi tre oggetti. L’anello reale, in verita’, era scomparso dalla tomba di Yuya, ma rimangono prove scritte che dimostrano che Yuya era il possessore dell’anello del re. Questo si evince chiaramente dai titoli di Yuya: “possessore del sigillo del re del Basso Egitto” e “possessore dell’anello del re del Basso Egitto”. Un’altro ritrovamento significativo avvenuto nella tomba e’ quello di una catena d’oro caduta all’interno del sarcofago di Yuya, sotto la testa della mummia, quando i ladri tagliarono il filo che la teneva ferma al suo posto. Nella tomba e’ stato scoperto anche un piccolo cocchio!


Riguardo la morte e la sepoltura di Giuseppe, la Bibbia riferisce che mori’ all’eta’ di 110 anni: “…lo imbalsamarono e lo posero in un sarcofago,in Egitto”. A partire dal 1865, pero’, quando lo studioso britannico Charles W. Goodwin suggeri’ che l’eta’ di Giuseppe, indicata dal narratore biblico, non era reale ma rispecchiava semplicemente una tradizione egiziana, questa idea si e’ consolidata sempre piu’ fra gli egittologi.Sir Grafton Elliott Smith, l’atomo-patologo che esamino’ la mummia di Yuya dopo il suo ritrovamento, scrisse nel suo rapporto che Yuya non aveva meno di sessant’anni, al momento della sua morte. Smith non era in grado,basandosi solo sull’aspetto del volto, di giudicare l’eta’ esatta, ma Henry Naville, che tradusse la copia di Yuya del “Libro dei morti”, scrisse nel suo successivo commento che: “…l’artista intendeva indicare che, quando mori’, Iouiya(Yuya), era un uomo molto anziano, quindi lo descrisse cosi'”. Tali apparenti discrepanze riguardo l’eta’ si spiegano facilmente. Poiche’ all’epoca la durata media della vita era di soli 35 anni, gli antichi Egizi ritenevano che un’eta’ avanzata fosse segno di saggezza e coloro che raggiungevano un’eta’ avanzata erano considerati delle persone sacre. Sia Giuseppe che Yuya erano considerati saggi dal Faraone. Di Giuseppe egli disse: “Nessuno e’ discreto e saggio quanto te”. Yuya e’ descritto nel suo papiro funebre come “l’unico saggio che ami il suo Dio”. Tradizionalmente, l’eta’ che gli Egizi attribuivano agli uomini che vivevano abbastanza da divenire saggi era di 110 anni, indipendentemente dalla loro eta’ effettiva (un’eta’ legata al valore simbolico del numero 11, sinonimo di Forza e Saggezza).
Anche di Amenhotep, figlio di Habu, un mago egizio dei tempi di Yuya, si disse che era vissuto fino all’eta’ di 110 anni, sebbene le piu’ recenti informazioni in nostro possesso gli assegnino un’eta’ di circa 80 anni.
Non e’ unicamente il confronto tra il racconto della vita di Giuseppe il Patriarca,contenuto nell’Antico Testamento, e gli annali storici egiziani ad indicare che Giuseppe e Yuya erano la stessa persona. Secondo il Corano, prima del loro secondo viaggio in Egitto, i fratellastri di Giuseppe ricevettero un consiglio da loro padre Giacobbe: “Oh,figli miei! Non entrate tutti dalla medesima porta: entrate da porte differenti…”. Questo consiglio indica che la citta’ che visitarono nelle loro missioni commerciali aveva molte porte e quindi poteva essere Menfi, la sede della residenza reale a sud delle piramidi di Giza, oppure Tebe, sulla sponda orientale del Nilo. Nelle tradizioni ebraiche troviamo la stessa storia: “I suoi fratelli, temendo l’occhio malvagio, entrarono in citta’ da 10 diverse porte”(Midrash Bereshith Rabbah 89). Poiche’ e’ scritto che Giacobbe espresse la sua preoccupazione prima che i suoi figli partissero per la loro seconda missione, e’ ragionevole supporre che egli senti’ parlare delle caratteristiche di Tebe in occasione del ritorno dal loro primo viaggio. Tebe era nota in tutto il mondo antico come “la citta’ dalle molte porte”. Questi non erano riferimenti a porte che si aprivano su di una profusione di mura intorno alla citta’, bensi’ agli ingressi dei suoi molti templi e palazzi.
Poiche’ il nome del Faraone che scelse Giuseppe come suo ministro non e’ riportato nei libri sacri, gli studiosi hanno cercato altri dettagli nella storia di Giuseppe, per tentare di stabilire l’epoca dei fatti.
Essi notarono che i “cocchi” erano nominati tre volte nel Libro della Genesi: quando lo nomino’ suo ministro, il Faraone regalo’ a Giuseppe un cocchio. Poi,Giuseppe uso’ un cocchio per uscire ad accogliere suo padre Giacobbe ed il resto della tribu’ d’Israele, quando arrivarono in Egitto. Infine, quando gli Ebrei andarono a seppellire il loro padre Giacobbe a Canaan, Giuseppe prese con se’ “sia cocchi sia cavalieri”. Il resoconto biblico della nomina di Giuseppe al suo alto incarico afferma che il Faraone gli forni’ un’altro cocchio da corsa. Cio’ suggerisce che egli fosse responsabile delle armate su cocchio, un’idea supportata anche dal ritrovamento del cocchio custodito nella tomba di Yuya. Nell’antico Egitto, come altrove, era usanza collocare nella tomba oggetti che avevano avuto un significato speciale nella vita della persona deceduta. I primi archeologi, tuttavia, furono tutti tratti in inganno, quando tentarono di stabilire l’epoca in cui visse Giuseppe, alla luce di questa nuova informazione. Fino a 10 o 20 anni or sono, infatti, si credeva che i primi ad introdurre l’uso del cocchio, in Egitto, fossero stati i sovrani Hyksos, i quali governarono l’Egitto per circa un secolo e mezzo, prima che i reggenti della XVIII Dinastia li scacciassero. Poiche’ gli Hyksos stessi erano di origine canaanita, risulto’ ovvio collocare Giuseppe l’ebreo nel periodo del loro dominio in Egitto. Tuttavia, ormai sono stati condotti degli scavi in tutti gli insediamenti Hyksos presenti sul Delta orientale del Nilo ed in nessuno di essi sono stati trovati resti di cocchi ne’, tantomeno, riferimenti scritti o disegnati da essi. Pertanto, e’ oggi un fatto generalmente accreditato che furono proprio i re egiziani della XVIII Dinastia i primi ad introdurre l’uso del cocchio. Si e’ anche stabilito che fu solo verso la fine della XVIII Dinastia, l’epoca in cui visse Yuya, che le armate su cocchio furono considerate come una milizia separata e distinta dalla fanteria e Yuya,in qualita’ di primo ministro di Amenhotep III, e’ la prima persona a noi nota che ricevette i titoli di Deputato di Sua Maesta’ per le Armate su cocchio,oltre che Ufficiale della Cavalleria.
L’identificazione di Yuya con il Giuseppe biblico ci permette una serie di considerazioni. Nel Libro della Genesi, l’ultima parte della storia di Giuseppe afferma che quando Giuseppe mori’: “lo imbalsamarono e fu collocato in un sarcofago in Egitto”. Basta guardare la mummia di Yuya,ora conservata al Museo del Cairo, per convincersi che si tratta proprio della mummia di Giuseppe. Stabilire che Yuya sia effettivamente Giuseppe il Patriarca e sapere esattamente in che periodo visse ha portato all’identificazione di una schiera di altri personaggi biblici quali personaggi storici egizi, compreso David, dalla cui casata sarebbero nati Gesu’, Salomone, Mose’…..
L’Antico Testameno ci fornisce due versioni contrastanti sulla durata del soggiorno ebraico in Egitto: 400 anni o 4 generazioni. Quale di queste sia quella esatta e’ stato argomento di considerevole dibattito tra gli studiosi. Tuttavia, una volta chiarita l’identita’ di Yuya e di queste altre figure storiche, e’ divenuto evidente che la durata esatta del soggiorno in Egitto fu di 4 generazioni, cioe’ non piu’ di 100 anni. Se il Visir Yuya ed il biblico Giuseppe dalla veste multicolore, come credo e affermo nel mio libro……sono davvero la medesima persona, cio’ getta nuova luce sull’improvvisa comparsa del monoteismo in Egitto durante il regno della regina Tiye e di suo figlio Akhenaton.
In quest’ultimo secolo, dal momento della scoperta della sua tomba, il personaggio di Yuya e’ stato in gran parte dimenticato. Oggi la sua mummia, la cui importanza storica e religiosa e’ assolutamente incompresa, giace nascosta in una solitaria cassa di legno fuori dalla vista dei visitatori…”.

Share.

About Author

4 commenti

  1. Giovanni Ioannoni on

    DIO E’ IN ISPIRITO, ANIMA E MOTORE DELL’UMANITA’, DI CHI IN DIO E’!
    ( “ Colpire l’errore non l’Errante. Noi siamo noi stessi, il tempo ci confonde. IL tempo non è quello che conosciamo. Un uomo che parlerà, comunque, con una forza tale, da essere ascoltato dal mondo intero. IL mondo lo ascolta ogni notte. Angelo Roncalli, profezie di Papa Giovanni XXIII “ )
    Dio nostro Signore è nei nostri Madre, Padre, Figlio e Spirito Santo. Dio è! Quale manifestazione suprema dei nostri Uno, Trino e Quaternario Santissimo. Dio è!
    Venga di nuovo il Regno del SOLE, venga il Regno di DIO in Terra venga il suo Regno.
    “ Su Benedetto XVI, si dice, che sia stato spodestato….? che sia l’ultimo Papa prima della distruzione del mondo….? Sembra che sia proprio così….? Seguito poi da Jorge Bergoglio, che nel giorno dell’investitura disse: sono venuti a prenderlo quasi alla fine del mondo….? )-( strana coincidenza di assonanza tra la distruzione del mondo….? di Sua Santità Papa BenedettoXVI )-( e sono venuti a prenderlo quasi alla fine del mondo, di, Jorge Bergoglio….? “ Tra i 19 neo porporati di Jorge Bergoglio, 10 vengono, dalla fine del mondo….? Le assonanze continuano a tornare di nuovo in campo, avrà un significato….?
    Siamo sotto questo cielo, siamo sopra questa terra….!
    La Religione di Maria Madre di Dio è Religione della Madre!
    IL Giudaismo è Religione del Padre!
    IL Cristianesimo è Religione del Figlio!
    IL tutto, Sacralizzato nella Uni Religione ricolma dallo e nello Spirito Santo!
    Anche Gesù va da Giovanni: “In quel tempo – racconta il Vangelo – Gesù dalla Galilea venne al Giordano da Giovanni, per farsi battezzare da lui. Giovanni però voleva impedirglielo, dicendo: ‘Sono io che ho bisogno di essere battezzato da te, e tu vieni da me?’. Ma Gesù gli rispose: “Lascia fare per ora, perché conviene che adempiamo ogni giustizia”. Allora egli lo lasciò fare. Appena battezzato, Gesù uscì dall’acqua: ed ecco, si aprirono per lui i cieli ed egli vide lo Spirito di Dio discendere come una colomba e venire sopra di lui. Ed ecco una voce dal cielo che diceva: “Questi è il Figlio mio, l’amato: in lui ho posto il mio compiacimento”. (Mt. 3, 13-17)

    L’Equivoco della faccenda su Maria Vergine Madre di Dio, è partito tutto da ingerenze improprie e sacrileghe esterne misogeni al nostro mondo, che hanno portato poi di conseguenza alla eliminazione stessa forzata del Culto della Divinità della Vergine Maria Madre di Dio.
    Sostituite poi in seguito da madri di varie culture come “ madre natura “ “ madre terra “ ecc.. “ falsamente attribuita e danneggiata volutamente l’immagine della Madre Divinità. Cosa che da adesso in poi non è più possibile continuare a tenere nascosto nell’infamia! Noi Umanità, siamo schiavi di questa falsa realtà, tanto è che questo è, sorelle e fratelli usciamo da questo colossale inganno perpetrato ai danni dell’umanità di chi Figlio di Dio è!
    IN NOMEN MATER, IN NOMEN PATER, IN NOMEN FILIUS ET SPIRITU SANCTI. AMEN.
    Lo Spirito è pronto ma la carne è debole. ( Gesù Cristo )
    Chiamo l’umanità tutta ad unirsi sotto l’unico Dio nostro Signore. Jurm Ben ISman ( alias ) Giovanni Ioannoni
    Siamo sotto questo cielo, siamo sopra questa terra….!
    Chiedete e vi sarà dato, cercate e troverete, bussate e vi sarà aperto. (dal Vangelo secondo Luca )
    Amerai il prossimo tuo come te stesso. ( Mt 22,39)
    Giovanni 25: Gesù le disse; “ Io sono la risurrezione e la vita; Chiunque crede in me, anche se dovesse morire, vivrà. Giovanni 26: Gesù le disse; E chiunque vive e crede in me, anche se dovesse morire, non morirà in eterno.
    Brilla Colosseo, brilla nella notte in tutte le tue luci, come petali della rosa troverai pace e riposo nel grembo della Terra, Colosseo brilla nella notte in tutte le tue luci, fatti da parte il fiore deve passare, la sposa è in trepidante attesa dello sposo, essa veglia giorno e notte, brilla Colosseo, brilla nella notte in tutte le tue luci. Jurm Ben ISman ( alias ) Giovanni Ioannoni
    I veri vincitori, i veri vincitori, sono da ricercare tra i vinti, in loro, troviamo il ri- cominciamento il ri-nascimento e l’aurora, mentre negli apparenti vincitori si può trovare solo ciò che già sono, cioè appagamento, declino e tramonto, carichi di superbia e boria per la loro vittoria ma scarichi di energie in quanto hanno già tutto dato, la loro luce non può che essere in spegnimento, essi saranno consumati dal virus da loro stessi creato, al contrario, dei vinti che avranno la loro luce in principio di accensione con in più lo stimolo di rimozione dello scottante ricordo della sconfitta subita e vaccinati contro la superbia, ma pur sempre posti nel ciclico processo. Jurm Ben ISman ( alias ) Giovanni Ioannoni
    Riguardo a Jorge Bergoglio, solo la storia degli uomini e Dio, sapranno rivelarci la verità effettiva su Jorge Bergoglio. Al momento, la cosa, mi trova alquanto spaesato ed avverto un senso di inadeguatezza. Qui, o abbiamo a che fare con lo Spirito Santo che albergherebbe in Jorge Bergoglio, oppure, di contro si tratterebbe di satana, il diavolo, il maligno. Io personalmente, opto per la prima opzione, ossia per lo Spirito Santo, che nel caso albergherebbe in Jorge Bergoglio. Che Dio lo voglia. Jurm Ben ISman ( alias ) Giovanni Ioannoni
    “ Non credere al cervello in senso falsamente reale e assoluto. IL cervello è portato a farci credere, solo quello che vuole farci vedere e farci credere, non in senso reale e assoluto.” Jurm Ben ISman ( alias ) Giovanni Ioannoni
    Tutto è in movimento, così come la dottrina che Gesù Cristo ci ha tramandato che viene rapportata alla nostra comprensione mutevole coscienziale che muta appunto e si aggiorna nei millenni come nei secoli fino ai nostri giorni. Ecco perche Gesù si esprimeva più volte in parabole.
    Comprensibile e coraggioso coglierne con audacia le mutazioni che Gesù Cristo ci invita a percepire secondo il suo volere. Siate coraggiosi e audaci, noi siamo la punta di Iceberg dei veri guerriere che Jesus Cristus, ha attivato in noi. Siamone degni, nulla è statico e immobile nell’Universo, tanto meno Dio, posto nell’universo infinito! Mi rimetto alla volontà e verità dei Nostri Madre, Padre, Figlio e Spirito Santo, ecclesia semper reformando est. Jurm Ben ISman ( alias ) Giovanni Ioannoni
    Dio è luce, da sempre, non avendo avuto cominciamento, non avrà mai fine. Dio è! L’ateismo è sorta di provocazione, ribellione, contestazione figliale verso i nostri Madre, Padre, Figlio e Spirito Santo, nostri Creatori. Ma è comunque sempre atto di amore, celato-mascherato, come la bestemmia è una lacerante richiesta di aiuto, è il figlio che implora considerazione dai nostri Madre, Padre, Figlio e Spirito Santo, non volendo ammettere apertamente. La credenza al monoteismo non si fissi sulle forme teologiche, ma vada oltre. Jurm Ben ISman ( alias ) Giovanni Ioannoni
    Messaggio, del 25 dicembre 2013 Medjugorje “Cari figli! Vi porto il Re della pace perché lui vi dia la Sua pace. Voi, figlioli, pregate, pregate, pregate. Il frutto della preghiera si vedrà sui volti delle persone che si sono decise per Dio e per il suo regno. Io con mio figlio Gesù vi benedico tutti con la benedizione della pace Grazie per aver risposto alla mia chiamata. ” Divulgazione a cura dell’associazione “Vivete i miei messaggi.” «…Verrà un giorno che l’uomo si sveglierà dall’oblio e finalmente comprenderà chi è veramente e a chi ha ceduto le redini della sua esistenza, a una mente fallace, menzognera, che lo rende e lo tiene schiavo… l’uomo non ha limiti e quando un giorno se ne renderà conto, sarà libero anche qui in questo mondo.» (Giordano Bruno ) “ Mantenetevi folli, e comportatevi come persone normali.” ( Paolo Coelho ) “ IL vero io è quello che tu sei, non quello che hanno fatto di te. “ (Paolo Coelho) IL guerriero della luce crede. Poiché crede nei miracoli, i miracoli cominciano ad accadere. (Paolo Coelho)

    ( Brano tratto, da, Got Questions?org) “ Perché Dio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figlio, affinché chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna. ( Giovanni 3:16 ) Infatti è per grazia che siete stati salvati, mediante la Fede; e ciò no viene da voi; è il dono di Dio. Non è in virtù di opere affinché nessuno se ne vanti. ( Efesini 2:8-9 ) Dio invece mostra la grandezza del proprio amore per noi in questo: che, mentre eravamo ancora peccatori, Cristo è morto per noi.
    ( Romani 5:8 ) “ ( Brano tratto, da, Got Questions?org)
    La terra finisce? Nel caso, da lì, proseguirà l’umanità in cielo anche oltre la terra, nella casa dei nostri Madre, Padre, Figlio e Spirito Santo.
    “ Tratto da, il Cristo è tornato davvero: Voi giudicate i vostri oggi e vi aspettate dai vostri domani ciò che avete sperimentato in passato. Perciò i mali del vostro passato si ripetono continuamente nel futuro. Siete schiavi dei vostri ricordi e del vostro credere infallibilmente che ciò che è stato in passato debba ritornare sempre di nuovo ad opprimervi e ferirvi. Voi non avete bisogno di guarire i vostri corpi o cercare di migliorare le vostre vite, dovete guarire le vostre credenze!

    I miracoli accadono non in opposizione alla natura, ma in opposizione a ciò che conosciamo della natura. ( Sant’Agostino. “Agostino d’Ipona” )
    Vi ho detto che non c’è nulla di solido sotto il sole.‘Se poteste guarire le vostre credenze, portare le vostre credenze in allineamento con la vera Intenzione del ‘Padre’ per voi, le vostre false credenze si dissolverebbero come la foschia al sole.‘Ogni vostra circostanza ritornerebbe immediatamente all’Intenzione Divina dietro tutta la creazione. Scoprireste che per ogni difficoltà, per ogni mancanza di qualsiasi genere, c’è sempre un mezzo per porre fine alla difficoltà, il vostro cesto viene sempre riempito per provvedere alla vostra necessità: Tratto da, il Cristo è tornato davvero. “
    “ Ricordatevi che io, il Cristo, sono soltanto Coscienza – ma riuscite a percepirmi ora dentro la vostra mente, la vostra coscienza? Vi rendete conto che io, il Cristo, mi sto rivelando a voi come non ho mai potuto rivelarmi prima – perché ero ancora avvolto nei MITI della crocifissione: Tratto da, il Cristo è tornato davvero.”
    ( Tratto, da, Got Questions?org ) Che cosa è successo ai Nefilim? I Nefilim erano uno dei motivi principali del grande diluvio che venne ai tempi di Noè. Immediatamente dopo la menzione dei Nefilim, la Parola di Dio ci dice “E l’Eterno vide che la malvagità degli uomini era grande sulla terra, e che tutti i disegni dei pensieri del loro cuore non erano altro che male in ogni tempo. E l’Eterno si pentì d’aver fatto l’uomo sulla terra, e se ne addolorò in cuor suo. E l’Eterno disse: ‘Io sterminerò di sulla faccia della terra l’uomo che ho creato: dall’uomo al bestiame, ai rettili, agli uccelli dei cieli; perché mi pento d’averli fatti’. (Genesi 6:5-7). Quindi Dio ha inondato tutta la terra, uccidendo tutti e tutto (inclusi i Nefilim) tranne Noè e la sua famiglia e gli animali nell’arca (Genesi 6:11-22).
    Che cosa previene i demoni dal produrre altri Nefilim oggi? Sembra che Dio abbia posto termine alla possibilità di far accoppiare demoni ed esseri umani relegando tutti i demoni che hanno commesso tale atto nell’abisso. Giuda 6 afferma che “Egli ha serbato in catene eterne, nelle tenebre, per il giudizio del gran giorno, gli angeli che non serbarono la loro dignità primiera, ma lasciarono la loro propria dimora”. Evidentemente non tutti i demoni oggi sono “in catene” quindi ci deve essere stato un gruppo di demoni che aveva commesso peccati oltraggiosi in aggiunta alla caduta iniziale. Presumibilmente, i demoni che si accoppiarono con donne umane sono coloro che sono “legati” con catene eterne. Questo impedirebbe ad altri demoni di compiere tali gesta. ( Tratto, da, Got Questions?org )
    “ E’ iniziato il conto alla rovescia, “Armagheddon finale”, in Terra e nei Cieli Infiniti, niente paura, per noi, Figli di Dio di chi figli di Dio è, noi siamo Anime Eterne, Anime Eterne noi siamo! L’uomo è emanazione della sua Anima, come l’Anima è emanazione di Dio nostro Signore dell’Uno – Universo degli Universi Infiniti! Dalla fine del mondo al ritorno alla casa dei nostri Madre, Padre, Figlio e Spirito Santo. Jurm Ben ISman ( alias ) Giovanni Ioannoni
    Si dice che nei misteri dei corpi celesti astronomici, alberghi le cose di questo mondo, sarà vero? Rimetto tale dilemma a nostro Signore Iddio che saprà risolvere e comunque riconoscere i suoi Figli. Jurm Ben ISman ( alias ) Giovanni Ioannoni
    Come sono vere le parole dell’Apostolo Giovanni: ‘Venne tra la sua gente, ma i suoi non l’hanno accolto. A quanti però l’hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio! Si rigetti l’illusione e l’inganno che il potere del cervello richiama!
    Gesù, Figlio della Madre, del Padre e dello Spirito Santo! Mitra, Figlio del Sole e Sole egli stesso!
    ” Sia fatta la volontà dei nostri Madre, Padre, Figlio e Spirito Santo, così sia. AMEN! ” “ IN NOME DI DIO ETERNO, COSI’ SIA. AMEN! “

  2. Giuseppe è stato sepolto in Egitto, ma quando Mosè ha portato il popolo ebraico fuori dall’Egitto ha portato via anche il corpo di Giuseppe. Perchè Giuseppe prima di morire fece giurare ai suoi figli che quando sarebbero usciti dall’Egitto avrebbero dovuto “portar via le sue ossa”.

  3. Oscar mi ha preceduto. Sono giunto a questo blog sull’onda di un interrogativo. come mai le mummie dei patriarchi biblici non sono state ritrovate data la loro importanza? Eppure nella bibbia sono specificati i luoghi in cui sono stati sepolti e che sono diventati mete di pellegrinaggio religioso. E’ strano. — Dappertutto c’è scritto che l’uso del cocchio è stato introdotto in Egitto dagli Hyksos, quanto meno da popolazioni del nord. Il cavallo lo usavano le popolazioni nordiche. Mah. Cosa non si dice pur di aver ragione.

Leave A Reply